links.

 
 

 
Roberto Eusebio

la storia di Roberto
  foto gallery

campione assoluto campionato italiano

file unico PDF lo sport come prevenzione di vita

 

Lo sport come prevenzione di vita


La medicina dovrebbe in primo luogo essere di tipo preventivo: curare una
patologia è sempre più difficile che attuare un programma di prevenzione
efficace.
Purtroppo però la medicina preventiva è un fatto di cultura: di solito ci si
rivolge al medico solo quando "si sta male". Non a caso la Medicina dello
Sport, forse la specializzazione "principe" per la prevenzione, è conosciuta solo
per l'obbligo di sottoporsi a visita per ottenere il certificato di idoneità e non
come un momento periodico di valutazione in cui il medico può intervenire su
un soggetto sano per correggere le eventuali situazioni di rischio (cattive
abitudini alimentari, eccesso ponderale, atteggiamenti scoliotici, piede
piatto ecc.).
Quanto detto è valido a tutte le età: patologie cardiovascolari acute (patologie
coronariche, infarto, ictus ...) possono essere favorite da errate abitudini di
vita (alimentazione eccessiva e/o scorretta, sedentarietà) e/o da patologie
croniche (diabete, patologie tiroidee, ipertensione arteriosa ...).
INFARTO: COME PREVENIRLO CON L'ATTIVITÀ FISICA
Ai nostri giorni ormai tutti "... fanno sport...": centri fitness, palestre, piscine,
strutture sportive di ogni genere, vendono il loro prodotto, pubblicizzando le
attività più nuove e divertenti (rowing, spinning, aeroboxe ...) dimenticando,
però, che quasi sempre gli utenti sono dei sedentari, magari in sovrappeso,
che non hanno mai praticato alcuna attività sportiva. A questi si aggiungono
"gli sportivi della domenica, o del sabato": tutti coloro che una volta a
settimana disputano la loro partita di calcetto o di tennis, impegnandosi alla
morte per non perdere, senza alcuna preparazione fisica di base. Nei periodi
invernali, poi, c'è il "popolo degli sciatori" che partono per la loro "settimana
bianca", durante la quale battono le nevi ore ed ore ogni giorno, tornando a
casa, quando va bene, distrutti dal punto di vista fisico e talvolta, purtroppo,
reduci da incidenti traumatici spesso gravi.
"... La partita di calcetto o la corsa in bicicletta una volta a settimana
sono deleterie. Piuttosto è meglio l'inattività, "
... Una attività fisica sana, regolare e senza sforzi aumenta il
colesterolo buono (HDL), diminuisce quello cattivo (LDL), abbassa la
pressione arteriosa e i livelli di glicemia ma, soprattutto, riduce il
rischio di aritmie minacciose e di morti improvvise. Lo sport praticato
una volta a settimana e interrotto bruscamente è dannoso. Meglio
farlo con gradualità e costanza ...".
L'allenamento migliora inoltre il livello generale delle funzioni fisiologiche e lo
mantiene nel tempo.
Studi recenti affermano che l'esercizio fisico ridurrebbe del 35% i rischi di
mortalità da infarto. Infatti, la probabilità di un primo attacco cardiaco risulta
raddoppiato nelle persone sedentarie di sesso maschile rispetto a coloro che
praticano sport.
Da sottolineare il fatto che non occorre un livello di efficienza fisica altissimo e
la pratica di complicate attività sportive per ottenere questo risultato, ma è
sufficiente un livello appena accettabile di efficienza ed anche semplicemente
"passeggiare" (vedi figure seguenti).
Le attività sportive preventive? "Palestra, nuoto, footing e
comunque mai meno di tre volte a settimana per 40
minuti a seduta. A coloro che non possono
frequentare un centro fitness polisportivo consiglio
di camminare molto, anche se questo comporta di
non poter essere monitorati da personale
qualificato”.
Quindi sì all'attività fisica, ma praticata con costanza, gradualità e
rispettando gli adeguati tempi di recupero. Ovviamente l'attività fisica è
sconsigliata quando fa caldo o troppo freddo, dopo aver mangiato
abbondantemente o, al contrario, senza aver mangiato (ci si deve alimentare
almeno 3 ore prima dell'attività fisica).
L'attività migliore è quella ad impegno prevalentemente aerobico, mantenendo
la propria frequenza cardiaca (FC) intorno al 70% della FC max teorica per Età.
Quando, poi, la persona ha già avuto una patologia cardiaca e/o è stato
operato per correggere una patologia coronarica, diventa fondamentale
l'attività fisica controllata per migliorare l'efficacia dell'intervento e prevenire
ulteriori recidive.
È notizia di questi giorni che in dieci anni la sindrome coronaria acuta
responsabile degli attacchi è scesa dal 10 al 5%. Ogni anno in Italia sono
vittime di malattie cardiovascolari 242mila persone. Di queste, il 30%, cioè
73mila, sono dovute all'infarto del miocardio: 187 decessi ogni 100mila
abitanti. Nel Bel Paese i pazienti affetti da cardiopatia ischemica,
l'anticamera della sindrome coronaria acuta, sono un milione e 500mila. Un
dato finale: gli uomini nell'età compresa tra i 50 e i 70 anni sono a maggiore
rischio infarto rispetto alle donne, soprattutto nei paesi nordici dove è più alto
il consumo di grassi animali.
Attualmente comunque, il sempre maggiore impegno nel mondo del lavoro
delle donne (in attività che in precedenza erano "esclusive" degli uomini) ha
fatto registrare un incremento di queste patologie anche nel sesso femminile.
Per concludere: non è mai tardi per iniziare a svolgere una adeguata attività
fisica; non si deve più pensare che con l'età la possibilità di migliorare la
propria efficienza fisica diminuisca, ma si deve cercare invece di mantenerla
costante il più a lungo possibile.

 

 

 

 

 

 

 

 

Colui che mescola l'attività fisica alle arti, nella proporzione più bella e la applica alla sua anima nella giusta misura, abbiamo diritto a dirlo è l’artista più perfetto ed armonioso !!