Consulente Sportivo, Preparatore Fisico,/Atletico, Personal Trainer Milano, Varese, Como e provincie.

Personal Trainer Milano

CAMPIONE NAZIONALE ASSOLUTO DI BODYFITNESS

 

Consulente Sportivo - Preparatore Fisico/Atloetic - Personal Trainer, Milano, Como, Varese e province

- MAIL: info@robertoeusebio.it

- TEL.: 338 3748518

- Via ai Ronchi 424, 22076 - Mozzate (CO)

- Viale Certosa - 20151 - Milano (MI)

- P.I. 03446420139

......................................................................................

 

Ricerca la paura per dominarla, il dolore per diventare più forte, le difficoltà per essere migliore.

Cultura Fisica

 

 

Mi rendo conto che, mano mano che l'esperienze si accumulano in noi, c'e' chi fa tesoro del proprio vissuto, qualsiasi sia il campo di attivita' in cui opera, e sa fare analisi e trarre conclusioni. Mi e' capitato di incontrare persone, amici/e che, pur agendo in settori totalmente diversi dal mio, hanno costruito un'immagine di se ben definita e hanno raggiunto un piu' accentuato grado di espressivita' artistica.

Sono arrivato alle conclusioni: le persone piu' sensibili, che hanno saputo guardar dentro ed ascoltare le proprie sensazioni, pur a volte tra continui ostacoli e sofferenze, risultano essere quelle che hanno colto i nessi profondi dell'agire umano. E qui non c'e' insegnamento inculcato, studio, intelligenza, ma ben altro ...

 

IL METODO EUSEBIO

 

Personal trainer Milano

Non avere le destinazioni delle masse corporee dentro determinati range prestabiliti, altera biochimicamente la natura del corpo sano, la mente nutrita da tale biochimica ne fa le spese !!

1

Personal trainer Milano

 

Avete digitato personal trainer Milano?

Siete alla ricerca di una palestra che vi offra il servizio di personal trainer Milano, oppure state cercando un serio professionista che vi guidi a raggiungere i traguardi che vi siete prefissati ?

Milano è piena di palestre che propongono nei loro pacchetti un generico personal trainer che, nella sostanza, al massimo vi possono dare un discreto sostegno morale. Senza nulla togliere alla buona volontà di certi giovani, pseudo personal trainer, se volete trovare un vero professionista dovete valutare il suo curriculum personal trainer e le sue referenze personal trainer.

Il personal trainer è un professionista completo a 360° in grado di seguire il suo assistito sotto tutti i punti di vista.

Un buon Personal Trainer non finisce mai d’imparare, continua a formarsi ad aggiornarsi su fisiologia, anatomia funzionale, psicologia, medicina dello sport, allenamento e nutrizione.

La sua è una vera missione ovvero, educare il suo cliente a stili di vita più salutari, programmando e realizzando allenamenti finalizzati al raggiungimento degli obiettivi prefissati; il tutto considerando sempre le esigenze, fisiologiche e psicologiche, specifiche del soggetto.

Roberto Eusebio è il sinonimo di nutrizionista e personal trainer milano, la sua carriera e la sua dedizione allo sport sono assolute come assoluto è il titolo di Campione Nazionale di BodyFitness conquistato.

Una vita dedicata allo sport che nel corso degli anni l’ha portato a diventare un professionista del fitness, un preparatore fisico/atletico, un personal trainer, un’athletic coaching di alto livello.

Numerosi sono i diplomi, con vari livelli, conseguiti nelle federazioni riconosciute dal CONI come ad esempio:

 

      Federazione Italiana Fitness

      Professione Fitness

      International Federation of Bodybuilding

      Accademia del Fitness

      Issa

 

Senza dimenticare, i Master in alimentazione e integrazione alimentare, e altri riconoscimenti tecnici inerenti al fitness e benessere. Numerose sono le iniziative che l’hanno coinvolto negli anni come la fondazione del Forum fitness e benessere nel web o come testimonial di aziende produttrici di integratori alimentari.

E’ stato docente e relatore nei corsi di formazione tecnica per istruttori e personal trainer di bodybuilding e fitness, e’ stato inoltre tutore dei tirocinanti in scienze motorie ed ha contribuito alla stesura di testi studio, sulla biomeccanica, elettrostimolazione e tecniche di allenamento.

Inoltre è stato relatore in alcune trasmissioni televisive come sul canale “Odeon tv” (personal trainer in casa) web tv “ Quando lo sport è al servizio della scienza”,ospite sui canali Mediaset, Sky e Rai.

Una prova del fantastico lavoro sviluppato da Roberto è il metodo Eusebio personal trainer, un allenamento a micro cicli variabili che ha come obiettivo quello di creare una routine d’allenamento dove il muscolo non si abitua allo stimolo allenante perché viene variato ad ogni ciclo. Abbinando l’alimentazione cambiandola in base agli stimoli Roberto Eusebio riesce sempre a far ottenere tangibili risultati.

Con il servizio di personal trainer Milano, Eusebio inizia sempre la sua attività con la clientela con un’intervista dalla quale emergono gli obiettivi del cliente, le sue inclinazioni, viene fatta una valutazione bioimpendenziometrica e antropoplicometrica e funzionale per poter elaborare ed eseguire un programma d’allenamento personalizzato mirato.

Eusebio, oltre alla tradizionale consulenza atletica, fornisce anche una consulenza specifica per il miglioramento della sfera psicologica motivazionale, in particolar modo per gli sportivi di alto livello.

Se siete interessati al servizio personal trainer Milano e volete approfondire l’argomento con Roberto Eusebio oppure desiderate sottoporre il vostro caso alla sua attenzione, potete contattarlo direttamente al suo cellulare 338 3748518 oppure inviare una mail a info@robertoeusebio.it.

La Mente sta nel Corpo, il Corpo sta nella Mente, cosa bisogna rilevare all’interno del proprio io, per acquistare lo stato di vera differenza…ecco la soluzione…

#dimagrimentoMilano#personaltrainermilano#mcfitmilano

IL METODO EUSEBIO

 

Personal trainer Milano

 

Quante volte gli istruttori di fitness sentono dire:

mi e' "scaduta" la scheda di allenamento!

La cambiamo ?

Ma quanto deve durare un programma di allenamento ?

Davvero il muscolo si abitua allo stesso esercizio e non ha piu' benefici?

Qualche tempo fa ebbi modo di parlare con un professionista di Bodybuilding, il quale mi confido' che il mitico Arnold Schwarzenegger tenette la sua tabella di allenamento per ben 13 anni.

Rimasi ovviamente stupito da tale affermazione, ma andai a fondo alla questione.

Arnold dopo anni di allenamento, aveva giustamente imparato e capito che ognuno di noi in base alla propria struttura alle proprie articolazioni non che alla genetica, percepiva che vi erano esercizi piu' o meno adatti per un reclutamento e congestione dei distretti muscolari.

Esempio, vi sono persone che adorano il bench press, perche' traggono da esso una sollecitazione muscolare importante, altri preferiscono le distensioni con i manubri, altri ancora preferiscono un bench press guidato.. e cosi' ogni atleta, per ogni muscolo ha le sue preferenze.

Queste preferenze per un atleta avanzato sono dettate, non dalla facilita' nell'eseguire un determinato esercizio, ma dall'efficacia che ne percepisce sulla congestione del muscolo stesso .!!

Ma tenere gli stessi esercizi per sempre puo' continuare a dare risultati ?

Certamente sì e vedremo in che modo.

L'esecuzione di un determinato esercizio non cambia, quello che puo' cambiare e' lo stimolo allenante.

Allora vedete che con uno stesso esercizio si possono abbinare svariate tecniche di allenamento:

ripetizioni, recuperi diversi, superserie, stripping, rest pause e cosi via ...

Sulla base di quanto detto ho sviluppato (studiando varie metodologie di allenamento) una tabella di allenamento da 3 o 4 sedute settimanali, articolata in diversi microcicli della durata di una o due o tre settimane da ripetersi .

Ogni microciclo, quindi ogni settimana, o due o tre, l'esercizio e' sempre lo stesso, ma lo stimolo allenante no.

In questa routine di allenamento e' pressocche' impossibile che il muscolo si abitui allo stimolo allenante, anzi essendo educati a percepire la sensazione dell'esercizio scelto cambiandone l'allenamento (non l'esercizio) siamo certi di arrivare al completo esaurimento muscolare senza inventarci nuove dinamiche.

Nelle tabelle sottoriportate, ho scelto degli esercizi per poter essere da esempio.

Nei microcicli elencati senza descrizione sara' l'atleta sulla base di quanto detto che ne sciegliera' la routine, tali esercizi verranno mantenuti fino alla fine di questo fantastico mesociclo di allenamento.

buon allenamento !!

 

CLICCA SUL MICROCICLO PER IL DOWNLOAD

 

ESEMPIO DI MICROCICLI SU 3 ALLENAMENTI SETTIMANALI:

 

1° MICROCICLO

2° MICROCICLO

3° MICROCICLO

4° MICROCICLO

5° MICROCICLO

6° MICROCICLO

7° MICROCICLO

8° MICROCICLO

9° MICROCICLO

10° MICROCICLO

11° MICROCICLO

12° MICROCICLO

12 MICROCICLO B

13° MICROCICLO

 

TABELLE DEI MICROCICLI NEUTRE STAMPABILI:

 

1° MICROCICLO

2° MICROCICLO

3° MICROCICLO

4° MICROCICLO

5° MICROCICLO

6° MICROCICLO

7° MICROCICLO

8° MICROCICLO

9° MICROCICLO

10° MICROCICLO

11° MICROCICLO

12° MICROCICLO

12 MICROCICLO B

13° MICROCICLO

 

ESEMPIO DI MICROCICLI SU 4 ALLENAMENTI SETTIMANALI:

 

1° MICROCICLO

 2° MICROCICLO

3° MICROCICLO

4° MICROCICLO

5° MICROCICLO

6° MICROCICLO

7° MICROCICLO

8° MICROCICLO

9° MICROCICLO

10° MICROCICLO

11° MICROCICLO 

12° MICROCICLO

12 MICROCICLO B

13° MICROCICLO

 

TABELLE DEI MICROCICLI NEUTRE STAMPABILI:

 

1° MICROCICLO

 2° MICROCICLO

3° MICROCICLO

4° MICROCICLO

5° MICROCICLO

6° MICROCICLO

7° MICROCICLO

8° MICROCICLO

9° MICROCICLO

10° MICROCICLO

11° MICROCICLO

12* MICROCICLO

12 MICROCICLO B 

13° MICROCICLO

 

COME ESEGUIRE I MICROCICLI:

 

1° MICROCICLO:

Eseguire il primo esercizio preferibilmente pluriarticolare di base eseguendo 4 serie tra le 5 o 6 ripetizioni adeguando il carico di lavoro e recuperando tra una serie e l'altra un minuto e trenta secondi.

Il carico da utilizzare e' soggettivo, il range allenante in questo caso e' tra le 5 o 6 ripetizioni; se con il carico riesco a farne 8 0 9 vuol dire che e' leggero, viceversa se ne faccio solo 3 o 4 vuol dire che e' troppo pesante.

il secondo esercizio lo si puo' scegliere sia pluriarticolare che monoarticolare o complementare. (esempio distensioni con manubri per i pettorali o croci).

In questo caso si alza il range allenanante ad 8/10 ripetizioni e si recupera un minuto tra una serie ed un altra.

Ultimo esercizio di base o complementare un range tra le 10/12 ripetizioni.

quando nella tabella di allenamento trovo scritto ad esaurimento significa un range tra le 12/15/17 ripetizioni, esaurire il glicogeno muscolare del muscolo allenato.

 

2° MICROCICLO E 3° MICROCICLO

Molto semplice da interpretare.

Eseguire l'esercizio stando esattamente a 12 ripetizioni con un minuto di recupero per tutti gli esercizi (a parte i polpacci e gli addominali).

Questo microciclo e' da abbinare al 3° microciclo, alternando esempio una settimana o due il 2° microciclo al 3° microciclo per 4/6 settimane.

Il 3° microciclo avra' invece un range allenante di 6 ripezioni con un minuto e mezzo di recupero.

Lavoro e stimolo diverso sulla muscolatura alternando il pompaggio quindi la capacita' di migliorare la condizione di glicogeno a livello muscolare e la vascolarizzazione, alternato ad una miotensione piu' elevata, uno dei parametri deputati a chi ricerca ipertrofia o forza.

 

4° MICROCICLO:

Si tratta di super serie.

Si esegue solitamente un esercizio di base pluriarticolare con un esercizio complementare monoarticolare sullo stesso gruppo muscolare.

Esempio:

PETTORALI:

Distensioni su panca piana (bench press) in super serie con croci su panca 30° con manubri, questa e' una serie (super serie), nella scheda 4 serie fatte in questo sistema.

Ultimo esercizio come dicevo sopra, ad esaurimento, con un range allenante tra le 12/15/17 ripetizioni.

 

5° MICROCICLO:

Si tratta di tecnica a stripping.

Una serie sara' cosi composta:

eseguo 6 ripetizioni adeguando il carico in modo che la 7° ripetizione non sono in grado di poterla eseguire, e subito senza recuperare riduco il carico ed eseguo altre 6 ripetizioni, lo stesso ripeto per la terza stazione, questa e' una serie, 6+6+6 (scalando ovviamente il carico e senza recuperare.

 

6° MICROCICLO:

Le serie in questo caso sono intervallate da forte miotensione a pompaggio.

Il primo esercizio, preferibile pluriarticolare, sara' cosi' eseguito:

prima serie 12 ripetizioni adeguando il carico, recupero un minuto e nel mentre carico un peso che mi permetta di eseguire solamente 3 ripetizioni, effettuate queste recupero un minuto e trenta e riporto il carico nuovamente per farne 12 ripetizioni, e cosi' per le altre serie.

 

7° MICROCICLO:

Si tratta di Set gigante.

sullo stesso gruppo muscolare vengono eseguiti senza recuperare tra una stazione e l'altra tre esercizi diversi.

Ad esempio, per i quadricipiti:

eseguo leg extension 8/10 ripetizioni, senza recuperare eseguo lo squat sempre 8/10 ripetizioni e subito sempre senza recupero una leg press o affondi o altro..., questa e' una serie in set gigante, con un recupero di almeno 2 minuti tra un set gigante e l'altro.

La differenza dallo stripping sta nel fatto che nel set gigante si utilizzano per lo stesso gruppo esercizi diversi, nello stripping si rimane sullo stesso esercizio.

 

8° MICROCICLO:

Intuibile l'esecutivita' di tale tecnica.

Serie iniziali con forte mio tensione, da 5 ripetizioni (carico adeguato) e un minuto e mezzo di recupero, abbinate ad un ultima serie di pompaggio da 20 ripetizioni.

Quindi eseguo una serie da 5 ripetizioni e recupero un minuto e mezzo, ne eseguo un altra da 5 ripetizioni e recupero, fino ad arrivare a concludere con 20 ripetizioni scalando ovviamente il carico.

 

9° MICROCICLO:

Si tratta di tecnica a piramidale inverso.

Eseguo la prima serie effettuando 12 ripetizioni adeguandone il carico, recupero un minuto e mezzo, carico sensibilmente il carico ed eseguo 10 ripetizioni, recupero, carico ed eseguo 8 rip., e cosi' fino ad eseguire solamente 3 ripetizioni, sempre adeguando il carico.

 

10 MICROCICLO:

Questa voltra lo svoglimento della tabella di allenamento e' strutturato in questo modo:

Eseguo il primo esercizio ad esempio il bench press e recupero, la seconda serie sempre sullo stesso guppo muscolare andra' fatta con un altro esercizio, ad esempio le croci, dopodiche' recupero ed anche la terza serie si effettuera' un esercizio diverso, esempio le dip.

Ripeto per 3 0 4 volte tale sintassi di esecutivita'.

 

11° MICROCICLO:

Tecnica basata sul pre-stancaggio muscolare.

Scelto un esercizio, in questo caso ottimo un complementare monoarticolare, eseguo tre serie da 20 ripetizioni, a sfinimento, con un minuto di recupero.

Esaurite le tre serie, ripeto lo stesso esercizio eseguendo 3 serie, ma questa volta con un carico che mi permetta di eseguire solamente 6 ripetizioni e un recupero di un minuto e mezzo.

 

12° MICROCICLO:

Si tratta di una tecnica di allenamento chiamata Rest-pause.

Il sistema della pausa riposo prevede l’esecuzione di ripetizioni con carichi prossimi al massimale (90%-95%) seguite da pause dai 5" ai 10’’ prima di eseguire la ripetizione successiva. Il rest- pause va effettuato per un max di 5 - 8 pause e non più di uno o due set, possono seguire ulteriori due tre set con altri sistemi di allenamento.

A seconda della percentuale di carico che si decide di utilizzare si adeguerà il numero delle ripetizioni, ad esempio nella prima tabella in esempio è descritto 1/2 ripetizioni con un carico tra il 90/95 % del max, ma si possono effettuare anche 3/4/5 ripetizioni con il 90/85/80% del max e recuperi tra i 10 e 20 secondi per un totale di 3/5 pause come tabella b.

Altra variante consiste nell'utilizzare una determinata percentuale di carico ed effettuare il numero max di ripetizioni, recuperare 20/25 secondi e con il medesimo carico si effettuano altre ripetizioni fino a cedimento.

 

13° MICROCICLO:

Consiste nell'eseguire una serie ad esaurimento con un carico elevato ed un range lavorativo da un minimo di 4 ad un massimo di 6 ripetizioni; raggiunto l'esaurimento concentrico si scaricherà del 20-30% il peso sull'attrezzo e si continuerà a spingere fino ad esaurimento, producendo dalle 6 alle 10 ripetizioni. È importante ridurre al minimo il tempo di sosta tra le due serie, cercando in teoria di effettuare un'unica serie

 

 

CONCLUSIONI:

Il sistema a microcicli variabili, serve ad allenare tutte le qualita' che possiede la muscolatura, mirando sempre allo scopo finale di aumentare il piu' possibile l'ipertrofia e non dare la possibilia' al muscolo di rimanere in stallo, poiche' variamo sempre lo stimolo.

Da evidenziare che per innescare i meccanismi per l'ipertrofia o altro, il modo di alimentarsi diventa fondamentale, ancor piu' che lo stimolo allenante.

Ricordo quindi che ogni microciclo va abbinato ad un determinato periodo dove adeguerò l alimentazione, quindi i nutrienti, in base allo stimolo che decidero' di dare alla muscolatura in quel periodo.

 

P.S.

Per ogni esercizio, potete digitare in google o altro motore di ricerca il nome dell'esercizio + di Roberto Eusebio e troverete l'illustrazione in video di come eseguire il determinato esercizio.